Il disturbo da accumulo: quando il possesso diventa disturbo - Psicologo Prato Iglis Innocenti

Il disturbo da accumulo: quando il possesso diventa disturbo

Tabella dei Contenuti

Nelle nostre case, spesso accumuliamo oggetti: libri, vestiti, oggetti d’arte e gadget tecnologici. Ma cosa succede quando questa tendenza all’accumulo diventa eccessiva, al punto da interferire con la vita quotidiana e compromettere il benessere psicologico? È qui che entra in gioco il disturbo da accumulo, un problema complesso che va al di là della semplice tendenza a conservare le cose.

Definizione

Il disturbo da accumulo, anche noto come “Sindrome di Diogene“, prende il nome dall’antico filosofo greco che visse in povertà estrema e accumulò quantità immense di oggetti nella sua dimora. Questo disturbo è caratterizzato dall’incapacità di separarsi da oggetti, indipendentemente dal loro valore o utilità. Le persone affette dal disturbo da accumulo tendono a sviluppare un attaccamento patologico agli oggetti e a trovare difficoltà nel gettarli via, anche se gli oggetti non hanno alcun valore intrinseco o pratico.

Questa condizione ha diversi effetti sgradevoli e pratici per chi ne soffre: non solo per le difficili condizioni di vita a casa (disordine, difficoltà a pulire, fatica nel ritrovare le cose, non sapere dove appoggiare gli oggetti…) ma anche le relazioni sociali ne possono risentire: non si fa più entrare nessuno a casa perché ci si vergogna o per timore di essere giudicati. Inoltre, anche il mantenimento di un ambiente sicuro per sé e per i propri familiari, arriva ad essere compromesso.
Spesso, circa nel 80-90% dei casi, coloro che soffrono di accumulo compulsivo mostrano anche un acquisto eccessivo e mostrano disagio quando viene impedito loro di acquistare nuove cose.

Segni e Sintomi del Disturbo da Accumulo

Il disturbo da accumulo si manifesta attraverso una serie di segni e sintomi che possono variare da individuo a individuo. Tuttavia, alcuni segni comuni includono:

  • Accumulo Eccessivo di Oggetti: le persone affette da questo disturbo tendono ad accumulare quantità eccessive di oggetti, spesso riempiendo completamente gli spazi abitativi fino a renderli inutilizzabili per il loro scopo originale.
  • Difficoltà nel Sbarazzarsi degli Oggetti: questi individui trovano estremamente difficile liberarsi degli oggetti accumulati, anche se gli oggetti sono rotti, inutilizzabili o pericolosi.
  • Distress e Impatto sul Funzionamento Quotidiano: il disturbo può causare notevoli livelli di stress emotivo e interpersonale. Le persone affette possono incontrare difficoltà nel svolgere attività quotidiane come la pulizia, la cucina o il sonno a causa dell’eccessivo accumulo di oggetti.
  • Isolamento Sociale: a causa dell’imbarazzo riguardante la loro condizione abitativa e della paura del giudizio degli altri, le persone affette dal disturbo tendono ad isolarsi socialmente, evitando il contatto con amici e familiari.
  • Comorbilità con Altri Disturbi Psicologici: spesso questo disturbo è associato ad altri disturbi psicologici, come depressione, ansia, disturbi ossessivo-compulsivi (DOC) e disturbi alimentari.

Cause e Fattori di Rischio

Le cause esatte del disturbo da accumulo non sono ancora completamente comprese, ma si ritiene che una combinazione di fattori genetici, biologici, psicologici e ambientali possa contribuire alla sua comparsa. Alcuni dei fattori di rischio noti includono:

  • Predisposizione Genetica: studi condotti su gemelli identici hanno dimostrato che esiste una predisposizione genetica al disturbo.
  • Traumi Passati: esperienze traumatiche, come la perdita di una persona cara o un evento stressante, possono scatenare il comportamento di accumulo.
  • Disturbi Psicologici Preesistenti: il disturbo da accumulo è spesso associato ad altri disturbi psicologici, come depressione e ansia.
  • Cultura e Ambiente Familiare: crescere in un ambiente familiare in cui l’accumulo e il disordine sono accettati o incoraggiati può aumentare il rischio di sviluppare il disturbo da accumulo.

Trattamento e Gestione del Disturbo da Accumulo

Il trattamento del disturbo da accumulo è complesso e può richiedere un approccio multidisciplinare che coinvolga professionisti della salute mentale, come psicologi, psichiatri e assistenti sociali. Alcuni approcci terapeutici che possono essere utilizzati includono:

  • Terapia Cognitivo-Comportamentale (TCC): la TCC può aiutare le persone affette dal disturbo da accumulo a identificare e modificare i pensieri e i comportamenti disfunzionali associati all’accumulo e al possesso ossessivo di oggetti.
  • Terapia Farmacologica: in alcuni casi, i farmaci antidepressivi o ansiolitici possono essere prescritti per alleviare i sintomi associati al disturbo da accumulo.
  • Supporto Sociale e Familiare: l’educazione della famiglia e il supporto sociale possono giocare un ruolo fondamentale nel fornire sostegno emotivo e pratico alle persone affette dal disturbo da accumulo.

In conclusione, il disturbo da accumulo rappresenta una sfida significativa per coloro che ne sono affetti e per le loro famiglie. Tuttavia, con il supporto adeguato e l’accesso a trattamenti efficaci, molte persone possono imparare a gestire i loro sintomi e a condurre una vita più soddisfacente e funzionale. È importante sensibilizzare l’opinione pubblica su questo disturbo spesso sottovalutato e garantire l’accesso a risorse e servizi di supporto per coloro che ne hanno bisogno.